Morsa da banco – Classifica dei 5 migliori modelli con prezzi

Morsa da banco

La morsa da banco è un utensile particolarmente utile a chi deve eseguire lavori di manutenzione o di fai da te al banco da lavoro. Il suo funzionamento, come suggerisce il nome stesso, è molto semplice: serve per tenere fermi, attraverso una sorta di pinza, elemento principale di cui è composta, i pezzi che devono essere lavorati.

È indispensabile quando si deve segare, saldare, filettare o fresare.

Il suo utilizzo ha origini molto antiche e risulta essere particolarmente ampio a livello professionale, tra falegnami, saldatori e artigiani, sebbene ultimamente abbia avuto una larga diffusione anche a livello amatoriale, tra i cultori del fai da te.

Il funzionamento della morsa da banco è molto semplice: una parte dell’oggetto resta fissata al piano di lavoro, mentre l’altra si muove vanti e indietro seguendo la traiettoria di una vite filettata ad essa applicata. La vite mette in funzione una ganascia che si avvicina progressivamente alla parte fissa tenendo ben fermo l’oggetto che si frappone tra queste.

Esistono diversi tipi di morse da banco disponibili in commercio per soddisfare le esigenze di qualsiasi utilizzatore.

Diverse tipologie di morsa:

  • Morsa da banco per legno:

Quelle maggiormente diffuse, soprattutto tra i non addetti ai lavori, sono le morse per la lavorazione del legno.

Il loro utilizzo permette di lavorare sul legname scolpendolo, piallandolo e raspandolo con le apposite lime, ma favorisce anche le operazioni di sagomatura e perforazione. Possono essere integrate o meno al piano di lavoro e, nel caso in cui lo siano, possiedono ganasce in legno che evitano di lasciare fastidiosi e antiestetici segni sul pezzo serrato.

Per la lavorazione del legno, comunque, vengono spesso impiegate anche delle morse da banco simili a quelle utilizzate in meccanica, ma è necessario fare attenzione a utilizzare le mordacchie. Si tratta di profili in metallo più malleabile o di altri pezzi di legno da inserire tra le ganasce e il blocco su cui lavorare per evitare che rimanga qualche segno.

  • Morsa da banco meccanica:

Bestseller No. 1
Banco da lavoro con cassetto, 120x60x155h cm | Tavolo da Lavoro NETTUNO in metallo e MDF | Tavolo...
  • COMODITA': Banco da lavoro comodo per lavorare seduti o in piedi. La profondità del piano consente movimenti agevoli e spazio sufficiente per operazioni di riparazione, assemblaggio, montaggio e...
Bestseller No. 3
Peugeot EBT 150 - Morsa da banco, 150 mm
  • Lunghezza 475 mm, larghezza 150 mm, Apertura 150 mm, Materiale Metallo SG

Realizzate con materiali più resistenti, come la ghisa o altri tipi di composti ferrosi, le morse da banco per i lavori meccanici sono più pesanti e resistenti, oltre che più stabili. Non si integrano al piano di lavoro, ma si fissano ad esso con bulloni, morsetti e ventose. Il sistema di blocco viene stabilito sulla base del materiale del banco su cui si deve lavorare.

È fondamentale che questo tipo di morsa da banco sia ben fissata, perché non devono esserci movimenti durante la lavorazione, neppure quando si usa per svitare due componenti particolarmente dure che vengono sottoposte a un intenso sforzo di torsione.

Anche le morse devono avere una presa molto forte, considerando che certi interventi su elementi ferrei possono risultare particolarmente pesanti ed è importante che il pezzo non scivoli via all’improvviso.

La morsa da banco per meccanica devono essere resistenti e non deformabili, anche quando vengono colpite accidentalmente mentre si cerca di martellare il pezzo su cui si sta lavorando.

  • Morse parallele:

Le morse parallele, per esempio, sono realizzate in ghisa e hanno ganasce in acciaio temperato e zigrinato. La loro caratteristica è che quando si aprono restano sempre parallele tra di loro e che vengono utilizzate spesso in combinazione con trapani a colonna e fresatrici.

Scegliere una morsa da banco – Consigli utili:

Morsa professionale

Come per ogni acquisto fatto con accuratezza, prima di scegliere quale morsa da banco comprare è opportuno capire bene di fronte a che genere di prodotto ci troviamo. È importante sapere quali sono le caratteristiche che occorre valutare e quale tipo di morsa da banco è più indicata per il nostro obiettivo.

La prima cosa da decidere è che tipo di fissaggio che si preferisce. Le morse da banco possono essere fermate sui piani di lavoro secondo diversi metodi: attraverso morsetti di fissaggio a vite o con bulloni a dadi. Le due opzioni sono quasi equivalenti e la scelta dipende molto dal tipo di piano su cui la morsa si deve applicare.

Le dimensioni sono un altro fattore particolarmente importante. La grandezza della morsa varia in base al modello e alla funzione che deve svolgere lo strumento. Alcuni prodotti sono molto compatti, perché utilizzati nella meccanica di precisione per maneggiare componenti particolarmente piccoli.

Altri, invece, sono considerevolmente grandi e sono impiegati nelle officine su elementi di dimensioni consistenti.

Oltre alle dimensioni della morsa in sè, in base al tipo di lavoro che si deve svolgere bisogna scegliere anche quella con l’adeguata apertura delle ganasce, il cui valore limite indica quanto può essere grande al massimo il pezzo su cui lavorare.

È utile tener conto anche della pressione di serraggio, ovvero della forza esercitata dalla morsa sul pezzo quando le ganasce sono chiuse. Una pressione eccessiva potrebbe danneggiare il pezzo, così una coppia di ganasce troppo debole impedirebbe di lavorare in maniera accurata sull’elemento.

Oltre alle caratteristiche proprie della morsa da banco, come tutti i prodotti, ci sono anche degli optional che, pur non essendo di fondamentale importanza per il corretto funzionamento dello strumento, vanno a determinare un aumento o una riduzione di prezzo, oltre a facilitare l’utilizzo dell’oggetto.

Le migliori morse da banco, per esempio, sono solitamente dotate di base girevole. La rotazione della base consente di avere assoluta libertà di movimento durante la lavorazione e facilita le operazioni sul pezzo da ogni tipo di angolazione.

Una base fissa, per poter lavorare in un punto dell’oggetto non facilmente accessibile, richiede che questo venga di volta in volta smontato e riposizionato in base alle esigenze del momento. La base girevole evita proprio questo passaggio, rendendo più pratiche e più rapide le lavorazioni.

Un altro optional delle morse da banco, limitatamente a quelle per meccanica, è la presenza di un’incudine. L’elemento è solitamente situato nella parte fissa della morsa e nasce con l’intenzione di consentire all’utilizzatore di martellare i pezzi senza alcuna difficoltà e senza timore di danneggiare lo strumento.

Recensione delle migliori con opinioni e prezzi:

Miglior morsa da banco

  • PEUGEOT EBT 125 – La migliore

Peugeot EBT 125 - Morsa da banco, 125 mm
  • Morse parallele che consente la "messa in Posizione e il" mantenimento in posizione (serraggio) di un pezzo.

Non particolarmente costosa ma sufficientemente resistente, la morsa da banco Peugeot EBT 125 è una delle migliori offerte dal mercato del settore. È praticamente indistruttibile, essendo realizzata in acciaio professionale. È perfetta per chi utilizza l’utensile con una certa frequenza, ma è adatta anche a chi si dedica al fai da te come hobby.

Ha due morse parallele che permettono si posizionare perfettamente e di mantenere con estrema solidità il pezzo di lavorazione. Questo viene fissato su ganasce di 125 mm di larghezza e può essere largo fino a 120 mm, apertura massima dello strumento. Anche le ganasce sono in acciaio e possono essere smontate e invertite.

È dotata di un comodissimo piano girevole a 360°, perfetto per maneggiare in assoluta libertà il pezzo su cui si lavora. Pur essendo abbastanza compatta, presenta di un’incudine integrata e pesa complessivamente 10,8 kg.

  • SILVERLINE 633742 – Morsa da banco economica

Silverline, Morsa da banco - 633742
  • Cast-iron frame with powder-coated finish

Leggermente meno pesante della precedente, con i suoi 8kg di peso complessivo, la morsa da banco Silverline 633742 è realizzata in ghisa ed è adatta ad essere fissata su piani in acciaio. Ha dimostrato di avere una buona resistenza alla distorsione, anche sotto pressione.

Ha una base fissa la cui apertura massima raggiunge i 135 mm. Ha delle dimensioni piuttosto compatte, caratteristica che la rende poco adatta ai contesti professionali. Il venditore stesso, infatti, ne consiglia l’utilizzo solo in ambiente domestico. Il prezzo è piuttosto contenuto, soprattutto se si considera la qualità complessiva del prodotto.

  • MAURER 80072 – Morsa da banco in acciaio

Differentemente dalla morsa da banco appena vista, la Maurer 80072 può essere utilizzata sia in ambiente domestico che per lavori professionali. Interamente realizzata in acciaio, ha dimensioni maggiori rispetto alla precedente con una minima differenza di peso che, complessivamente, raggiunge i 9 kg.

È dotata di ganasce fisse e di una doppia guida. Ha una presa particolarmente solida che le consente di essere utilizzata per la lavorazione di diversi tipi di materiali, anche di natura metallica.
Il prezzo è molto competitivo e le opinioni di chi la utilizza quotidianamente sono complessivamente buone.

  • STANLEY 1-83-068 MAXSTEEL – Morsa da banco professionale

Più costosa delle precedenti, ma qualitativamente migliore, la morsa da banco MaxSteel di Stanley è una delle più acquistate nel settore.

In 11 kg di peso è racchiuso il suo corpo in ghisa cromata anti-corrosione resistentissimo a qualsiasi tipo di lavorazione. Ha una profondità di 105 mm e un’apertura di 150 mm. La sua struttura si serve di viti filettate a lunga durata ed è fissata a una base girevole.

La morsa ha una pressione di serraggio di 2200 kg. Le dimensioni non sono particolarmente compatte, cosa che tuttavia non stupisce se si considerano le sue prestazioni tecniche.

È disponibile in tre diverse versioni corrispondenti ad altrettanti valori di apertura delle ganasce. Oltre a quella da 150 mm, infatti, è possibile acquistare quella da 100 mm e quella da 125 mm.

  • MANNESMANN M 712-100

Ancora un’altra morsa piuttosto economica che presenta una qualità soddisfacente per ogni tipo di utilizzatore: si tratta di Mannesmann M 712-100, una morsa da banco girevole provvista di incudine e ganasce sostituibili.

L’apertura massima del supporto è di 100 mm, entro i quali il pezzo di lavorazione viene tenuto fermo da una struttura in acciaio fuso molto resistente ai colpi e agli urti. Le sue misure sono medie, ma il peso è piuttosto contenuto, soprattutto se la si paragona a prodotti analoghi anche più compatti.

La morsa Mannesmann, infatti, ha un peso di appena 9 kg.

Leggi la nostra Disclaimer sui Prezzi. Cliccando sui prodotti sarà possibile trovare anche il miglior usato di qualità professionale a prezzi economici!

Leave a Reply